Tu.

marzo 30, 2011 Commenti disabilitati su Tu.

Stranamente, Duccio era dietro il banco. Ma tutto il resto era come sempre. Tu arrivi, con la tua camicia bianca, con i capelli forse un po’ più lunghi. “Allora come stai? È da almeno una settimana che non ti vedo” “Lo so. Ma sapete come sono certe cose, io non sono come gli altri, io se  devo metabolizzare un dolore, un lutto, me ne devo stare per fatti miei… Ma adesso sto bene, davvero” e vai dietro al banco, come sempre. “Wà mi hanno detto che venerdì vuoi fare la festa, sono io di turno, verrà benissimo!!” Continuiamo a parlare…

Apro gli occhi.  Sono finalmente felice e serena. Mi sposto dalla parte di Duccio, che si è già alzato. Capisco che è un sogno. Una morsa, oramai la conosco, mi stringe il cuore e come sempre non trattengo le lacrime. Te ne sei andato, per sempre , il 14 marzo 2011, caro amico mio. Mi manchi, manchi a Duccio, manchi a tutti noi.

Non ho voglia né di scrivere né di cucinare. Lascio questo post per Te  e per quanti si domandano dove io sia. Tornerò quando il tempo avrà mitigato il dolore. Dicono che debba confidare in questo…

Niente commenti, perdonatemi … mi basta il vostro pensiero.

Vero

Annunci

Tortine al cioccolato e mandorle

febbraio 21, 2011 § 21 commenti

Sindrome premestruale:
Da Wikipedia:
Sintomi psichici

  • Irritabilità e variabilità dell’ umore – ce l’ho
  • Voglia di piangere – manca
  • Diminuzione della libido – non sono fatti vostri!
  • Depressione – forse
  • Astenia – ci impiego il triplo del tempo a fare qualsiasi cosa
  • Difficoltà di concentrazione – bè quella c’è sempre
  • Livello di sopportazione diminuito – indovinate…

Quindi per tutta questa settimana lasciatemi in pace … Che meraviglioso lunedì! E come ogni lunedì, qui torna l’inverno e il suo grigiore. Luce accesa già di prima mattina….

La ricetta per questi tortini l’ho  trovata qui, (già solo il nome del blog mi piace tantissimo AAA Accademia Affamati e Affannati) e posso dire di non aver cambiato una virgola se non dove sono stati riposti.

Baci e abbrazzi a tutti.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Risotto con radicchio e fonduta

febbraio 17, 2011 § 38 commenti

Chi di voi vedeva Grace Anatomy? Vi ricordate una scena  di una delle prime puntate credo, dove Izzie, depressa cucinava fino allo sfinimento?
Eccomi!! Ieri, dopo essermi sentita dire dall’estetista che ho problemi ormonali, vuoi mai discutere su dosaggi ormonali con lei? Ovviamente ne sa molto più di te…
Dopo aver realizzato che devo rivedere un po’ la rubrica delle amicizie, e iniziare a consolidare nuove relazioni d’amicizia, perché non posso confidare solo su quelle di 10 anni fa, e il mio ambiente lavorativo in questo ambito non è decisamente stimolate.
Dopo aver pensato “a questo punto perché non mi decido a cambiare lavoro….”

Entro in casa, poso le buste della spesa per terra e incomincio a cucinare!!
Spezzatino, patate, tortine cioccolato e mandorle… quando tutto era in forno o in cottura sono andata a cambiarmi, a sistemare le cianfrusaglie lasciate in giro etc etc.

Solo perché avevo poco tempo, arrivata a casa alle 20 cena alle 21.30…21.45, altrimenti avrei continuato tutta la notte a infornare e sfornare, infornare e sfornare, assaggiando un po’ qui e un po’ là. In quel mondo, in quegli 8 metri quadrati riesco a non pensare a nulla. È tutto meravigliosamente unico. Come quando la mattina Duccio viene a svegliarmi, puzzolente come un posacenere, riempiendomi di baci e carezze.

Perché il mondo non può fermarsi a quei due momenti?

Oggi è risotto, buono e semplice. Piccolo segreto, la fonduta fatela riposare al fresco per un’oretta, resta più cremosa e più buona!

« Leggi il seguito di questo articolo »

Plum cake con fiocchi d’avena

febbraio 16, 2011 § 12 commenti

Pensavate che fosse arrivata la primavera? E invece niente tiè!!
Oggi poca voglia e indecente stanchezza, dovuta poi a non so cosa, i pensieri andranno in ordine più che mai sparso…
Indecente partita di calcio ieri, sia dal punto di vista calcistico che di spettacolo. Certo che l’sms di  un amico “a causa di Gattuso (nb per chi non l’avesse vista, ha dato avvio ad una rissa a fine partita) mi vergogno di essere italiano” mi sembra quanto meno fuori luogo, visto da chi oggi siamo rappresentati….

Facendo zapping mi rendo conto che è iniziato Sanremo. Non mi abbandono a catilinarie sul ruolo della donna in questo contesto, ma incredibilmente spezzo una lancia a favore di Belen. Quella ragazza è davvero capace di stare in televisione, è simpatica e spigliata, nonché ha presenza scenica. Attributi che alla finta fidanzata di Clooney decisamente mancano.  Morandi è quanto più lontano all’essere giovane! In merito, ovviamente ho attaccato con la mia solita filippica….

-Ma perché deve stare lì mezza nuda!!
-Perché altrimenti io che rappresento l’italiano medio non lo guarderei mai Sanremo
-Va bene, allora se dobbiamo sorbirci la Belen (prima di rendermi con che cmq è brava), trash per trash dateci anche Corona al posto di quella cariatide!
-Ma che c’entra! Mò che ha di così bello Corona
Ero indecisa se proseguire o fermarmi.
-Ti ricordi il documentario dove Corona è nudo (Videocracy), bè diciamo che le sue grazie valgono per una donna quanto il cu..o di marmo di Belen per un uomo
Cala il silenzio.
Bella la vita… noi sempre lì a sentirci inadeguate, loro a  confrontarsi con Morandi!!
Poi detto tra di noi, io non saprei neanche che farmene di Corona….


Seeeeeeeeeeee seeeeeeeeeeeeee

Questi plum cake sono davvero buoni e leggeri, chiusi in una scatola si mantengono  anche per 4 giorni! Oltre però diventano pietre 😀

« Leggi il seguito di questo articolo »

Le Camille – Tortine alla carota

febbraio 14, 2011 § 18 commenti

Questa giornata la dedico a Lei.

Questa donna ogni mattina deve trovare una forza che solo una donna sa trovare, anche là dove non ce n’è più, incredibilmente la trova. E reagisce. Lei non deve discutere con il proprio bimbo solo sul ritenere opportuno o meno lavarsi i denti, mangiare le verdure o spegnere il DS. Deve convincerlo ad andare a fare fisioterapia.

Piccolo ometto.

Non scrivo altro, perché per quanto sia difficile a credersi conoscendomi, io sono emotiva e piagnucolona, e se ci penso ancora un po’ mi scendono i lacrimoni, perché diamine non è giusto.

Andate nel suo blog, leggete per ricordare, io sono sincera a volte lo dimentico, che per alcune Qualcuno ha deciso che la vita debba essere un po’ più difficile. Ma se questo è un paese civile, non il Burundi , le strutture devo poter aiutare in qualche modo. Altrimenti quella forza poi finisce che non la si trova più.

Dolci per bimbi non ne faccio, non avendone, sarebbe deleterio per me e Duccio, ma sono certa che non esiste al mondo un bimbo che non mangi le camille a colazione!!

E poi visto che per questa causa è utile che un po’ tutti facciano la loro, per fare del bieco marketing partecipo con questa ricetta al contest di Ornella, che ringrazio per averne parlato nel suo blog permettendomi di non perdere questa iniziativa.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Mousse al cioccolato bianco e porto

febbraio 11, 2011 § 22 commenti

Finito! Sia il dessert che il mio momentaccio!

È come se finalmente riesca a vedere la luce. Torno positiva, il mio bicchiere è di nuovo mezzo pieno.  Però, per quanto pur trovandomi in uno stato di grazia, non riesco a togliermi dalla testa l’idea di vendicarmi per come sono stata trattata, per come si è permesso di offendermi forte solo de ruolo che ricopriva. Sono molto combattuta tra il tralasciare, facendo quella  che se la racconta “ma va Vero, ma che te ne frega, tra qualche mese neanche ti ricorderai più di lui….”, oppure restituirgli pan per focaccia.

Voi che dite? Può valerne la pena? Siete di quelle che alla fine “ti faccio vedere io”, o come me, siete solo chiacchiere e distintivo?

La ricetta per questa mousse al cioccolato bianco mica ve la lascio perché non me la ricordo!!! Vabbè come volete…

Erano circa 2 albumi, 1 tuorlo, 2 cucchiai di zucchero, 100gr di cioccolato bianco, 1 cucchiaio di amido di mais, 2 cucchiai di porto, 100gr di mascarpone…. e cannella per decorare.

Poi qualcosa tipo, amalgamare il formaggio con lo zucchero e il tuorlo, unire il cioccolato bianco fatto sciogliere e il porto. Aggiunge poi un cucchiaio di amido di mais, fare attenzione a non formare grumi. Montare a neve gli albumi, unirli al composto. Posare nei bicchieri e lasciar riposare per un’oretta.

Ma non ci giurerei!! 😀

‘O rraù ossia il Ragù Napoletano

febbraio 7, 2011 § 13 commenti

Gli anni ottanta trascorrevano, Milano era la Milano da bere, il Milan se l’era appena comprato Berlusconi, e al Napoli c’era Maradona. La serie A giocava la domenica, tutte le squadre insieme, niente anticipi o posticipi. Non bisognava  mica domandarsi “Ma domenica chi gioca?”

Eri certo, e così noi, con la stessa certezza, si andava con tutta la famiglia “giù dalla nonna”. Giù dalla nonna, perché noi ci si muoveva dalla collina del vomero verso soccavo, dunque si scendeva e si andava pertanto giùdallanonna, va letto tutto insieme 🙂 Non c’era da domandarsi cosa si sarebbe mangiato, che fosse estate o fosse inverno, era una sicurezza. ‘O ‘rraù (ragù napoletano). Si arrivava, ancora con la giacca indosso, si prendeva un pezzo pane cafone fresco (perché a casa della nonna il pane era sempre fresco anche la domenica) e lo si immergeva nel sugo… Che bontà. ‘O ‘rraù è un sugo speciale, che non si può mica preparare durante la settimana, deve cuocere almeno 5 ore lentamente, come si suol dire deve pippiare (vedi foto).

L’altra domenica l’ho preparato, non è la stessa cosa però, a tavola non c’è la nonna che grida e dice “Verò ‘a vuò a sasicc?” e così a turno per tutti, eravamo almeno 10 a tavola, praticamente un pranzo di Natale tutte le domeniche. Ora però non descrivo oltre questa domenica napoletana, la lascerò quando mi deciderò a fare le polepette al sugo (anche loro intramontabili compagne della domenica), ma vi lascio questa poesia di Eduardo de Filippo sul ragù napoletano, perchè il ragù vero non è la carne con il sugo!

‘O ‘rraù – il ragù
‘O rraù ca me piace a me – il ragù che piace a me
m’ ‘o ffaceva sulo mammà.- me lo faceva solo mamma
A che m’aggio spusato a te, – Da quando mi sono sposato con te
ne parlammo pè ne parlà. – parliamo tanto per parlare
io nun songo difficultuso; – io non sono difficile
ma luvàmmel’ ‘a miezo st’uso – ma non ne parliamo più
Sì,va buono:cumme vuò tu. – si va bene come vuoi tu
Mò ce avéssem’ appiccecà? – ora mica vorremmo litigare?
Tu che dice?Chest’ ‘è rraù? – Tu che pensi? Questo è ragù?
E io m’ ‘o  mmagno pè m’ ‘o mangià… – io ora me lo mangio giusto per mangiarlo
M’ ‘ a faja dicere na parola?… – mi fai dire una parola?
Chesta è carne c’ ‘ a pummarola – questa è carne con il pomodoro

PIESSE

-2KG io cmq proseguo con la dieta…

« Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria Uncategorized su Menando il can per l'aia's Blog.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: