Polpettine Cunesi

novembre 1, 2010 § 4 commenti

La gita nell’astigiano è miseramente saltata a causa di un tempo degno del peggior novembre. Ma per non farmi mancare nulla, sabato sera mi sono regalata queste piccole leccornie! Cosa hanno di particolare? Sono fatte con l’aggiunta del lardo e fritte nel burro. Che bontà! Ora però dirò qualcosa che potrà far sì che qualcuno possa aditarmi come snobbina della cucina…
Allora quando si legge su una ricetta servire caldissime, vanno servite fumanti! Non potete ipotizzare di friggerle nel pomeriggio e servirle intiepidite nel forno. Quindi quando è arrivato il momento, ci si alza da tavola, e si va a friggere, 15 minuti nulla di che, però  l’odore del burro fumante fa da solo il 40% della riuscita del piatto.
Non so perchè quando si ha che fare con i dolci si è rigidi, con il salato invece si pensa che tutto vada bene.
Detto ciò questo è il secondo pezzo della mia raccolta “Cucina Piemontese” ne avrò, secondo me, per circa un anno ancora!

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • 350gr di fesa di vitello
  • 100gr di lardo
  • 2 uova
  • buccia di limone grattugiata
  • 1 spicchio d’aglio
  • 50gr di burro
  • prezzemolo
  • farina
  • sale e pepe

TEMPI DI PREPARAZIONE: 30 MINUTI

Passare nel mixer la carne, il lardo e l’aglio.
Prelevare il composto e riporlo in una ciotola, aggiungere la scorza del limone grattugiata  le uova e impastare con vigore.
Fare delle polpettine grandi quanto una noce e passarle nella farina.
Riscaldare il burro e far friggere le polpettine per circa 15 minuti.
Servire caldissime

Annunci

Tag:,

§ 4 risposte a Polpettine Cunesi

  • Ambra ha detto:

    La carne fritta nel burro è a dir poco deliziosa…queste polpettine quindi non fanno di sicuro eccezione!!!Un bacione!

  • anto ha detto:

    ciao vero,
    ti do un consiglio sulla frittura con il burro, che da sempre la fa da padrone nella tradizione lombarda…
    Il burro – come lo conosciamo – andrebbe utilizzato per preparazioni a freddo; se lo vuoi usare per friggere, lo dovresti prima chiarificare. Il processo – che consente l’utilizzo del burro ad alte temperature – è abbastanza semplice e lo puoi trovare ovunque sul web.
    vedrai la differenza…

    • LaVero ha detto:

      :))
      sei un tesoro!! ineffetti per un paio di ricette ove dovevo aggiungere il burro con magari le cipolle soffritte lo chiarificavo prima, per la frittura mai fatto! Proverò di certo!! grassiieeeee!!
      Pensa che a casa a Napoli il burro scade!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Polpettine Cunesi su Menando il can per l'aia's Blog.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: